Ecco cosa serve per una buona pizza

Ciao a tutti, mi chiamo Elena e vengo dalla periferia della provincia di Napoli. Da brava napoletana sono qui per parlarvi della mia passione più grande: fare e mangiare la pizza. Quindi è da un bel po’ di tempo che mi cimento nell’arte dell’impastare, lievitare e cuocere la pizza. Per fare ciò però mi sono dovuta prima munire degli accessori necessari che mi permettessero di preparare la pizza nel migliore dei modi. Prima ancora di pensare alle ricetta migliore e agli ingredienti da utilizzare, per ottenere un buon risultato molto importante è la cottura e tutti gli utensili e gli accessori che aiutano a cuocere la pizza. Quindi, in casa mia non potevano mancare le pale per la pizza. Siccome abito in un piccolo paese, mi è risultato alquanto difficile trovare in giro dei negozi ben forniti su questi articoli e quindi sono ricorsa allo shopping online. Devo dire che quando si digita sul web la parola pizza si apre davvero un mondo parallelo, a partire dalla sua storia fino ad arrivare alle varie ricette. Continuando la navigazione in internet, mi sono accorta che ci sono molti siti che trattano esclusivamente i prodotti di cui ero alla ricerca come le pale per la pizza. Quelli più forniti hanno a disposizione una vasta gamma di pale; esse sono diverse tra loro per dimensione, forma e materiale di costruzione. Quando si decide di acquistare online le pale per la pizza, occorre scegliere innanzitutto prodotti di qualità e poi pensare al modello che fa più al caso nostro. Parlando delle misure, le pale per la pizza hanno un manico che può variare da 30 centimetri a 2 metri. Per quanto riguarda, invece, le forme e i tipi ne esistono di rettangolari, tonde, quadrate, ovali ed anche triangolari, sia asolate che non. Anche i materiali con cui sono fatte sono molteplici, infatti ci sono quelle classiche in legno e le pale fatte di alluminio, acciaio e fibra di carbonio. Tra una pagina e l’altra di questi siti web, oltre alle pale, ci sono anche altri occorrenti necessari sia alla preparazione che all’infornata della pizza. Il forno ideale per cuocere la pizza è quello a legna, ma siccome non ne posso avere uno a disposizione mi sono dovuta adattare con quello elettrico. Così ho comprato online anche la pietra refrattaria su cui adagiare la pizza in cottura. Questo tipo di pietra garantisce un risultato ottimale simile a quello di un forno a legna. Infine per tranciare l’impasto e pulire il piano da lavoro ho acquistato anche una spatola.

Il tuo bebè sempre alla moda

Il mio bebè merita il meglio sia in fatto di attenzioni, sia in fatto di abbigliamento. I negozi propongono online numerosi capi, con tessuti e stampe originali. Dal punto di vista economico, le proposte commerciali per lo shopping dell’abbigliamento per neonati soddisfano diversi target e danno la possibilità di un’ampia scelta per tutti i gusti. I vari brand propongono nuances dolci e raffinate per i più piccini. I capi adatti per i primi mesi di vita sono le comode tutine dai colori giallo, celeste e rosa e i bavaglini salva macchie, utili non solo per i piccoli ma anche per salvare gli abiti delle mamme. Calze, biancheria e accappatoi soddisfano le richieste di intimo da 0 a 3 mesi, periodo in cui la gestione del neonato risulta più complicata. Dalla fase di svezzamento in poi, per il mio bambino scelgo indumenti che rappresentano spesso delle miniature degli abiti degli adulti e rendono gioioso il momento in cui lo vesto. Completi di giacca e pantalone sono gli abiti per i maschietti, abbinati ad una camicia e ad un maglioncino per i mesi più freddi. Per esaltare la femminilità e la dolcezza, i brand propongono miniabiti o gonne in ecopelle adatte per le bambine.

Le proposte online della stagione invernale

Posso acquistare online tutto ciò che serve per il mio neonato. Molti negozi svolgono attività di vendita diretta al pubblico, ma affiancano la vendita online per aumentare gli introiti. Le proposte commerciali sono sorprendenti sia per la facilità dell’acquisto, sia per le idee in merito a tendenze e accessori alla moda. Per i maschietti è possibile trovare perfino il papillon che impreziosisce la camicia, nelle versioni in seta e nella fantasia a pois. I siti dei grandi negozi selezionano l’abbigliamento per neonati suddividendolo per categorie. Emerge che le tendenze della moda bimbo per l’inverno 2016 vertono su grafiche e stampe colorate, per sottolineare l’idea del gioco e del divertimento. A questo scopo gli abiti hanno un taglio pratico e di tendenza e i colori vertono sul giallo, marrone e grigio. I gilet in lana jacquard sono sempre alla moda come i cardigan tricot, da abbinare a camicie e pantaloni stretch. Per i giorni rigidi i piumini dai colori blu, rosso cupo e giallo sono il must della stagione invernale da indossare insieme a pantaloni denim black e felpa. Gonne in tessuto damascato, coprispalla in tinta unita e T-shirt con stampe floreali sono il sogno delle femminucce.

 

 

Per le tue vacanze estive scegli la Sardegna

La mia idea di vacanza rilassante perfetta si colloca proprio in Sardegna. Non esiste una terra che, al pari di questa, riesca a farmi rilassare e stare bene con me stesso. Anche quest’anno, quindi, ho deciso che le mie vacanze estive le prenoterò proprio in Sardegna.
All’inizio ero indeciso su quale località preferire per la scelta: l’affascinante arcipelago della Maddalena o Alghero? Cagliari o Castelsardo?
Proprio qui è ricaduta la mia scelta, sul paesino di Castelsardo.
Quest’antico borgo medievale è situato nella zona settentrionale della Sardegna, sulla costa Paradiso, uno dei tratti costieri più suggestivi di tutta l’isola. Castelsardo è un paese così pittoresco ed affascinante che mi aveva già colpito solamente guardando le sue foto. Non a caso è inserito nella classifica dei più bei borghi d’Italia.
Le sue casette colorate e strette sulle rocce, le sue piccole vie fra le abitazioni, le stradine che conducono fino al porto dove attraccano le barche dei pescatori: tutto in questo paese parla di bellezza.
Mi sono informato sulle numerosissime cose da fare a Castelsardo: innanzitutto potrò scoprire liberamente la ricchezza del suo centro storico, colmo di sfaccettature e di edifici antichi. Il suo vecchio Castello regala un panorama assolutamente unico sul Golfo dell’Asinara e sulle scogliere del nord della Sardegna.
Il Castello di Castelsardo è un po’ il cuore e l’anima di questo colorato paesino, il luogo dove abitanti e turisti si ritrovano per ammirare la bellezza di questa terra. Con lo stesso biglietto acquistato per visitare il castello potrò avere ingresso al Museo dell’Intreccio Mediterraneo, uno dei più visitati dell’isola in assoluto, annesso al maniero.
Tutt’attorno al paese si trovano dei luoghi unici, come la Roccia dell’Elefante, sulla strada per Sedini, plasmata con questa forma dal vento.
Ma Castelsardo è il posto ideale anche per chi, come me, ami infinitamente il mare. La spiaggia del paese è abbastanza piccola ma veramente meravigliosa, e comunque nei dintorni si possono trovare numerosi lidi che soddisfano le esigenze di tutti.
Le spiagge di Lu Bagnu, ad esempio, sono un mix curioso di acqua cristallina, scogli e sabbia, mentre a circa 15 km di distanza si trovano le fantastiche spiagge di Isola Rossa e Valledoria, fra le più famose e frequentate di tutta la Sardegna settentrionale.
Naturalmente in questo piccolo angolo di isola non mancherà l’opportunità di gustare la straordinaria ricchezza culinaria della Sardegna.

Ibiza tra relax e divertimento

Ibiza è la meta ideale di chi ama il divertimento, ma anche di chi cerca relax, bellezze naturali e spiagge da sogno. Sono tornato da poco dalla splendida isola spagnola, che insieme alla gemella Formentera e ad una manciata di isolotti minori, forma l’arcipelago delle Pitiuse, nome che fu dato loro da Plinio il Vecchio per l’enorme quantità di pini ivi presenti. I primi coloni differenziavano Ibiza e le sue isole sorelle dalle Baleari, con le quali oggi vengono associate. Ibiza, o Eivissa, come viene comunemente chiamata in catalano, è un luogo dal fascino inatteso, che ho avuto il piacere di conoscere grazie ad una prenotazione online di un last minute per Ibiza che mi ha accompagnato nel cuore del Mediterraneo, lì dove decine di spiagge candide, la musica, i colori, le notti infinite e i tramonti indimenticabili, mi hanno accompagnato per dieci intensissimi giorni. Appena arrivato ho visitato la spiaggia di Talamanca, una delle più estese ed organizzate dell’isola, ideale per i velisti alle prime armi. Ho avuto il piacere di poter raggiungere Talamanca in barca, partendo direttamente dal porto del capoluogo isolano. Nei giorni seguenti ho sperimentato i luoghi più nascosti e paesaggisticamente imperdibili e mi sono imbattuto nella splendida Cala Llonga, un paradiso per chiunque ricerchi tranquillità e pace, nascosta da coste alte e frastagliate, che a tratti scendono a picco nel mare azzurro. Ad Ibiza muoversi alla ricerca di nuovi anfratti, spiagge e località di interesse turistico è tutt’altro che complicato: gli autobus e i taxi abbondano ed assicurano numerose corse notturne e per gli amanti delle discoteche e dei locali alla moda è perfino disponibile il servizio “disco-bus”, attivo da giugno a settembre. Non mancano i traghetti, che organizzano tour guidati presso le coste più belle. Personalmente, ho preferito noleggiare uno scooter, di gran lunga la soluzione più economica e pratica per visitare l’isola, comprese le tante bellezze site nell’entroterra. Per non perdermi neanche un po’ dei divertimenti e dell’atmosfera e per visitarne in tutta comodità le bellezze storiche, ho scelto di alloggiare nel capoluogo. Ma le destinazioni gettonate abbondano: Cala Llonga è la più apprezzata dalle famiglie; le coppie giovani possono trovare relax e divertimenti presso la baia di San Antonio o a Cala Vadella; chi preferisce agriturismi e cascine dal fascino rurale può optare per i borghi dell’entroterra.

Una vacanza indimenticabile ad Ibiza

Per il nostro anniversario ho pensato di fare una sorpresa alla mia ragazza con un viaggio last minute a Ibiza la scorsa estate.

Il tempo di preparare le valigie è stato davvero poco ma la cosa ci ha entusiasmato fin dall’inizio, perché non solo ho trovato un pacchetto in promozione scontatissimo ma includeva anche il volo.
Un’occasione del genere non potevo che trovarla online dove ho avuto sicuramente fortuna perché era la località che sognavo, ma sono stato anche veloce nel decidere.
Il vantaggio di prenotare online è che tutto si svolge in pochi minuti e lo si fa comodamente da casa, senza pagare commissioni all’agenzia di viaggi.
Siamo atterrati con un volo diretto all’aeroporto di Ibiza e per essere più liberi sull’isola, abbiamo noleggiato un auto perché avevamo intenzione di spostarci anche nei vari locali notturni per i quali Ibiza offre il meglio del divertimento.
Abbiamo provveduto velocemente alla nostra sistemazione in hotel e siamo subito scesi in spiaggia.
Il nostro hotel era fornito di un attrezzatissimo stabilimento balneare con ombrelloni, sdraio e servizio bar nei pressi di Playa d’en Bossa.
La spiaggia larga e con sabbia bianca e finissima era all’ombra delle palme e l’acqua ci ha stupito per quanto era limpida. Questo particolare è stato comune anche alle altre spiagge dove siamo stati nella settimana di vacanza.
Tra le altre abbiamo trascorso un pomeriggio a San Juan stretta e tranquilla, circondata da colline ricoperte di macchia mediterranea. Anche il centro di questo cittadina ci è molto piaciuto con le vie strette, i negozi di prodotti locali sia enogastronomici che dell’artigianato.
Le coste di Ibiza sono costellate da calette e rientranze naturali a volte raggiungibili solo con imbarcazioni. Tra quelle che abbiamo apprezzato di più per la riservatezza ci sono Cala Llonga e Calo des Moro. Qui abbiamo anche fatto delle immersioni molto romantiche negli incantevoli fondali di cui entrambi siamo appassionati.
Altre spiagge che vi consigliamo di visitare sono quelle di Cala Conta, Sa Caleta, Ses Salinas che è anche una riserva naturale eCala des Jondal.
La sera invece abbiamo trascorso ore di divertimento puro alla discoteca Delano Beach a Playa d’en Bossa, elegante e con una bella atmosfera. Abbiamo cenato e ballato sulla spiaggia dove c’erano anche delle amache e il bar interno. Non lontano si trova anche il Bora Bora, più “easy” rispetto al Delano e sempre sulla spiaggia.
Tra i locali che ci hanno più colpito per gli effetti c’è lo Space perché apre non prima delle 6 del mattino, per quelli che non vogliono smettere di divertirsi e vogliono ammirare l’alba. Non potevamo mancare di trascorrere una serata nelle discoteche leggendarie come il Pasha e l’Amnesia.
A Ibiza i migliori hotel si trovano a San Antonio e a Playa d’en Bossa e nei dintorni non è difficile alloggiare presso case vacanza, B&b, campeggi e agriturismo.
Per lo shopping il mercatino di Es Canar ci ha stupito tra innumerevoli souvenir, artigianato locale, abbigliamento e molto altro. Abbiamo già deciso che torneremo l’anno prossimo.

Viaggia comodamente con il traghetto

Scegliere la compagnia giusta è il necessario viatico per inaugurare nel migliore dei modi le proprie vacanze. Viaggiare in tutta sicurezza, oltre che allietati da comodità e comfort, è fondamentale per arrivare carichi ed in piena forma all’appuntamento con la meta prescelta, con il luogo nel quale vivere attimi indimenticabili. Chi vuol viaggiare in Sicilia e raggiungere le sue meravigliose isole, non può prescindere dai servizi offerti da Ustica Lines, compagnia di navigazione fondata nel 1993, la cui sede legale è sita a Trapani. Le prime tratte percorse coprivano le distanze tra Napoli, Ustica, Trapani e Favignana e tra Trapani, Pantelleria e Kelibia, cittadina situata sulle coste settentrionali della Tunisia. Nel 2004, Ustica Lines ha acquisito alcune unità appartenenti alla SNAV sui collegamenti fra la terraferma e le Eolie, aggiungendo ulteriori rotte, quali quelle che uniscono San Vito Lo Capo e Marsala alle isole Egadi. A partire dal 2010, attraverso il Consorzio Metromare, la compagnia opera anche sulla tratta che unisce Messina a Villa San Giovanni, rotta di fondamentale importanza nei collegamenti veloci che uniscono la Sicilia alla Calabria. Nel 2014, infine, Ustica Lines ha acquisito un cantiere navale che offre servizi di collegamento mediante aliscafi e navi veloci. Le unità totali relative al servizio veloce ammontano a 25, tra catamarani, aliscafi e monocarena. Ustica Lines, a bordo delle sue imbarcazioni offre servizi igienici, in alcuni casi completi anche di servizi a norma dedicati alle persone con problemi di deambulazione. Alcuni mezzi sono provvisti del servizio bar e tutti sono dotati di acqua potabile a bordo. Il servizio bar e ristorazione, inoltre, è presente sull’intera flotta nel periodo di alta stagione. Ustica Lines è anche pet-friendly. Il biglietto “animali”, appositamente pensato per coloro che vogliono portare con sé il proprio amico a quattro zampe, dispone che gli animali di piccola taglia debbano essere custoditi dal padrone in un trasportino per tutta la durata del viaggio e quelli di taglia media debbano essere provvisti di guinzaglio e museruola. Allo stesso modo, i volatili dovranno essere trasportati in un’apposita voliera. Ogni passeggero può imbarcare un bagaglio che rispetti le misure 60x40x20 centimetri; per i bagagli in più è necessario dotarsi di un “biglietto bagaglio”.

Consigli pratici su come allestire uno store

La vetrina e l’allestimento dei negozi sono due elementi di promozione fondamentali per attrarre la clientela e convincerla a comprare. Gli arredi di un negozio devono essere scelti con cura, l’estetica e il design, sono importanti per dare una personalità forte agli ambienti e definire l’impatto stilistico con cui si vogliono caratterizzare. Un altro fattore da non sottovalutare è la disposizione che deve essere armoniosa, accogliente e lasciare i clienti liberi di muoversi e di visionare la merce.
Lo store deve avere un allestimento in sintonia con il tipo di prodotto che vende e soprattutto del target che vuole raggiungere. In caso di abbigliamento elegante anche gli arredi interni devono essere raffinati e dal design moderno, così se si tratta di articoli sportivi, è opportuno puntare su uno stile organizzativo ricercato e dinamico. La prima cosa da fare per allestire uno store è valutare gli spazi disponibili e come personalizzarli, in questa fase affidarsi a persone esperte e competenti può essere di notevole importanza per riuscire a creare a punto vendita in grado di catturare l’attenzione dei clienti. Definita l’impronta che si vuole dare, si devono scegliere ripiani, manichini specchiere, divani e tutto ciò che serve per valorizzare la merce e far sentire come a casa la clientela.
I ripiani su cui esporre i prodotti devono essere in materiali innovativi e di tendenza, mentre quelli in cristallo e supporti in acciaio sono perfetti per l’abbigliamento più elegante, quelli in materiali plastici colorati sono più indicati per articoli sportivi o destinati ai giovanissimi. Anche un arredo in legno naturale in tonalità chiare è una soluzione molto glamour che si adatta a qualsiasi tipo di merce.i sono più indicati per articoli sportivi o destinati ai giovanissimi. Le specchiere dove le persone possono valutare la vestibilità degli indumenti devono essere collocate nei punti strategici dello store, poiché se questo non è molto grande, possono servire anche a dare più vitalità all’ambiente. I divani sono un altro elemento da non sottovalutare, essi servono a rendere il negozio più ospitale e far rilassare le persone che accompagnano i clienti. Inoltre preferendo modelli compatti e dal design originale possono contribuire a dare un tocco glamour allo store.

Bungee Jumping uno sport per coraggiosi

Il superamento dei limiti rappresenta uno degli obiettivi principali dell’uomo. Tra le sfide più affascinanti da affrontare vi è, senza dubbio, quella legata alla forza di gravità. Per provare un’emozione di un’intensità indescrivibile, adatta solo ai più temerari, non vi è una migliore scelta che un salto nel vuoto, naturalmente appesi a un elastico. Tutto ciò prende il nome di Bungee Jumping, ovvero uno sport estremo che consiste, appunto, nell’effettuare un salto, generalmente da un ponte sospeso, assicurati da una corda appositamente progettata.

Essendo un amante degli sport estremi ho voluto provare questa suggestiva esperienza presso la base Jumping in Abruzzo, splendida location situata sul ponte di Salle, in provincia di Pescara, la quale rappresenta la massima realtà del centro-sud Italia dedicata allo sport in questione. Il ponte è ubicato a un’altezza di ben 100 metri, fattore che crea una straordinaria sensazione di adrenalina. Una volta indossata l’attrezzatura, composta da cavigliere e da un imbrago simile a quello utilizzato dagli alpinisti, ho avvertito immediatamente un forte brivido, il quale si è trasformato in pura emozione non appena mi sono lanciato nel vuoto. Il volo libero si protrae per circa 25 metri: quei pochi secondi paiono eterni e conducono al primo rimbalzo, che mi ha riportato verso l’alto per poi farmi ripiombare giù, a pochi metri dal suolo. Sono seguiti altri rimbalzi di intensità minore, ma pur sempre eccitanti, fino a che non sono rimasto appeso all’elastico a testa in giù, potendo ammirare l’incredibile panorama circostante. La sessione è terminata con la risalita, la quale mi ha ricondotto sul ponte di lancio. Il salto si colloca, indubbiamente, tra i ricordi indelebili della mia vita e, non appena ne avrò nuovamente l’occasione, tornerò a praticarlo.

Il Bungee Jumping è un’attività sicura, a patto che sia eseguita presso strutture certificate dal SISE (Standard Italiano Salto con Elastico). Prima di lanciarsi è bene assicurarsi circa l’esperienza e la serietà della società organizzatrice. Il Bungee Jumping Center Abruzzo costituisce un autentico punto di rifermento nazionale per tutti i coloro che vogliono cimentarsi in questa disciplina, grazie alla bellezza del paesaggio, all’altezza del ponte, all’esperienza accumulata nel settore e al’elevata qualità delle attrezzature impiegate.

Google Analytics ecco cosa devi sapere

Tra i numerosi strumenti creati per permettere analisi web Google Analytics rappresenta, molto probabilmente, quello che ha ottenuto la fiducia del maggior numero di utenti divenendo, in breve tempo, il più conosciuto. Una volta installato su un sito, consente di avere a disposizione diverse informazioni, dal numero di visitatori ai contenuti più visionati. Ma sono veramente moltissimi i dati che è possibile rilevare; in pratica, attraverso Google Analytics viene monitorata ogni attività compiuta all’interno del proprio sito internet.
Da quanto appena scritto appare evidente come tale strumento di analisi dei dati sia fondamentale per capire ogni decisione (ed ogni azione conseguente) operata da chi si collega ad un sito. A sua volta, i dati possono essere studiati per adottare modifiche volte ad ottimizzare i contenuti presentati, raggiungendo con maggiore velocità ed efficacia gli obiettivi preposti. Nel caso di un’azienda che ha scelto di aprire un sito per lanciare dei prodotti, si potrà sapere se quanto presente sulle pagine web è sufficiente per ottenere il livello di vendite desiderato. In diversi casi è sufficiente migliorare la user experience per assistere ad una crescita esponenziale delle vendite. Riassumendo, Google Analytics permette agli utenti che gestiscono un sito di comprendere nel dettaglio quali sono le problematiche che impediscono agli sforzi compiuti di tradursi in una strategia vincente.
Un aspetto non trascurabile, che ha contribuito al successo di Google Analytics, è la sua semplicità d’uso. Infatti, è sufficiente disporre di un account Google. Con tale account si può accedere a Google analytics; completare tale fase registrando il sito web e inserirendo nelle pagine del sito un apposito “codice di monitoraggio”.
Chi opera come analista nel mondo del Web, vede in Google Analytics uno strumento perfetto per farsi notare dalle agenzie. A tal proposito, esiste la possibilità di ottenere una certificazione, la Google Analytics Individual Qualification (in breve GAIQ), rilasciata direttamente da Google. La certificazione ha una validità di 18 mesi e, una volta conseguita, attesta la persona come esperta in tale strumento. Il test è a scelta multipla; la maggior parte delle domande prevede 4 possibilità di scelta. I quesiti possono trattare argomenti quali account e profili, cookie, filtri, Event Tracking, Virtual Page ed E-commerce tracking.

Le tutine per il tuo bebè

Quando una donna scopre di essere in gravidanza, uno dei pensieri che si manifestano nella sua mente è relativo al primo corredino da acquistare per il suo piccolo. Comprare tutto prima della nascita non sembra rappresentare l’idea migliore; il rischio, infatti, è di riempire la casa con troppi vestitini e accessori, che potrebbero finire per non venire utilizzati. Inoltre, sicuramente si riceveranno diversi capi di abbigliamento in regalo nei primi mesi di vita.

Limitandosi agli acquisti fondamentali, tra questi ultimi rientrano sicuramente le tutine per neonato, che hanno il vantaggio di essere pratiche, resistenti e disponibili in diversi materiali e colori. Finiscono, pertanto, per rappresentare la “divisa” del neonato nei suoi primi giorni di vita; averne a disposizione più di una è imperativo per qualunque mamma.
È sufficiente entrare in un negozio per ammirare tutine decorate con immagini di cuccioli, personaggi famosi dei cartoni animati (da Topolino a Snoopy), orsetti e cuoricini. Per quanto riguarda i materiali, è possibile scegliere tra cotone (felpato oppure leggero) e ciniglia. Evitare i modelli in lana; quest’ultima, infatti, potrebbe provocare allergie nel caso di contatto diretto con la pelle, a causa dei trattamenti chimici utilizzati normalmente nella fase di produzione.
Se il parto avviene in autunno, oppure nei mesi invernali, la ciniglia in cotone è ideale; si tratta, infatti, di un tessuto naturale che garantisce calore (ma senza esagerare), oltre ad essere dotato di una grande traspirabilità.
Per quanto riguarda la scelta del modello, sono molte le mamme che prediligono tutine dotate di apertura (nel cavallo oppure sulla schiena); il vantaggio è quello di tenere il neonato al caldo, a partire dalla testa fino alla zona dei piedi. Le tutine che hanno la possibilità di apertura per tutta la lunghezza della gamba consentono, invece, di cambiare il pannolino senza spogliare completamente il piccolo.
In tema di misure, occorre fare attenzione al fatto che i bambini appena nati crescono molto nel primo periodo; pertanto, una tutina di taglia “zero” potrebbe già essere accantonata dopo pochissimi giorni, non permettendo di sfruttarla a dovere. Non a caso, diversi neo genitori preferiscono acquistare tutine di una taglia in più. Infine, in ogni occasione il criterio di scelta dovrà mettere al primo posto la qualità e, solo successivamente, le esigenze di carattere estetico.